Libri – Luciano Santarelli O.P.

Servendosi di solide categorie tomiste, con uno stile chiaro e accessibile a tutti, l’autore costruisce una morale dello studio esaustiva delle complesse problematiche che la vanno a comporre. L’opera è rivolta a tutti coloro che coltivano interessi culturali, di ogni età e grado, e ha lo scopo di sensibilizzare circa i risvolti etici connessi all’attività intellettuale spesso sottesi o comunque sottovalutati. Il meraviglioso itinerario della conoscenza cela invero molte insidie, e solo chi lo percorre con animo retto e orientato al debito fine, vi troverà gioia e perfezione per la propria vita.

studio_preview

Libri – Athos Turchi O.P.

Athos Turchi – LIBRI

(2019) Come si diventa filosofi. In sole 10 lezioni

[…] per non scoraggiarti subito, non leggere l’Introduzione, ma vai direttamente al primo capitolo, poi quando hai tempo ritorna a leggerla. Il contenuto di questo volume è un tentativo di portare il lettore a diventare un filosofo, o meglio a sviluppare il filosofo che è latente in ogni essere umano e anche in te e per meglio orientarti leggi intanto le prime lezioni introduttive. Comunque, sappi che qui si fa filosofia e in filosofia di che si parlerà specificatamente? È bene dircelo subito sommariamente: dell’essere o dell’ente.

(2018) I Dubbi della Fede: 85 domande sulla religione

Lo scritto è composto dalle tante domande che sorgono nel cuore e nella mente umana e quando se ne chiede una spiegazione a qualcuno comporta un dialogo. Il volume perciò è una forma di dialogo per corrispondenza. Le molte domande ricevute le ho raccolte in sei temi che formano le VI Parti del testo. Ho pensato di iniziare con le domande generali che riguardano il rapporto tra la scienza e la fede, per poi proseguire con quei dubbi più specifici che toccano Dio stesso: la sua natura Trina, la sua opera salvifica con l’incarnazione del Figlio e quanto è relativo della vita cristiana nei suoi sacramenti. La III parte raccoglie le domande circa l’Aldilà, il giudizio di Dio, l’inferno e quanto concerne quella vita che si spera ma di cui poco sappiamo. Seguono i problemi per la verità un po’ vari che toccano l’uomo, la sua persona, l’anima, la fede e anche il culto che si pratica nella vita religiosa. la V parte contiene problematiche di vita morale, l’etica umana e i molteplici comportamenti che derivano da una concezione che ancora è distinta in bene e in male. L’ultima parte è dedicata al male, alla sua presenza, al senso e alla sua comprensione nella vita quotidiana.

(2018) Una verità da valutare: opinione vera non erronea. Introduzione al problema della conoscenza

Il problema conoscitivo deriva da questa affermazione di Parmenide: «Lo stesso è pensare ed essere». Se sono la stessa cosa è impossibile il falso, se sono diversi è impossibile il vero. Perché possa darsi il vero e il falso è necessario che il pensare (o conoscente) e l’essere (o conosciuto) siano tra loro correlati (non identici) e che il prodotto, cioè il pensato, sia intermedio tra i due. Bisogna scindere il rapporto tra conoscente e conosciuto come dato immediato, e per fare ciò è necessario analizzare l’atto conoscitivo per vedere come si risolve in se stesso.

 

(2017) Parmenide contro Parmenide. Due metafisiche a confronto

“Ogni posizione di un problema è un cercare” dice Heidegger, e “la sua direzione la trae dal cercato” e non possiamo non essere d’accordo. Il problema che qui affrontiamo è quello dell’Essere. Ora, con Essere intendiamo tutto ciò che vediamo, sperimentiamo, viviamo, siamo… Esso è l’Universo e il mondo dove siamo e anche tutto ciò che non è per noi visibile e sperimentabile… Insomma tutto ciò che è e che c’è. Bene, questo discorso lo riassumiamo e lo raccogliamo nel concetto e nel termine: Essere, poiché è del filosofo ridurre a unità il molteplice e Essere è il termine che è quell’uno radice di ogni realtà e cosa perché, come intuì ed esplicò Parmenide, è la base ultima oltre la quale la molteplicità delle cose non può più procedere.

( 2013) La bicicletta e l’arte di pensare. Cicloturismo filosofico in val d’Orcia

C’è il giro d’Italia, il tour de France, ma un giro in bici intorno e dentro l’umanità non è da scartare. Il mistero umano con i suoi pensieri da scalare, le sue paure da percorrere, i suoi tortuosi sentimenti da visitare, e così le sue politiche, le sue correlazioni, il suo mondo, sulle quali discendere veloci, sono spazi immensi per una pedalata, ma il solo toccarli danno gusto allo sforzo, come quando un bel panorama o un nuovo incontro premiamo la fatica del ciclista. Un giro in bici vale un giro nel mondo del senso e del non senso, dove l’uomo si dibatte e dove ne cerca una via di uscita.

(2011) L’uomo di fronte al male. Saggio sull’origine del male

Il volume indaga sulle condizioni e le cause razionali del male non considerando le conseguenze di esso, ma i suoi principi. Una ricerca razionale, quasi una metafisica sul male, per scoprirne le origini e le sue connessioni.

(2007) Al di là delle dune

Diario di un viaggio fisico e spirituale nel deserto libico. Leggendo queste pagine non si può fare a meno di sentirsi coinvolti, partecipare, condividere, nelle stesse emozioni che il narratore ci comunica… «Alla luce di tanti pensieri il deserto sembra essere il vero ambiente per l’uomo, dove può ritrovare le profondità di se stesso, dove si affaccia il senso più intimo della sua natura».

Risponde il teologo